Le asana che assicurano una bella dormita

Come fare per assicurarsi una buona dormita?

Ha effetti benefici a livello psico-fisico, aiuta a equilibrare il respiro e a incrementare il tono muscolare. Praticare yoga, però, può essere anche un valido aiuto per conciliare il sonno e favorire un riposo di qualità. 

Le posizioni (in gergo asana) più idonee sono quelle volte ad alleggerire la mente dalle preoccupazioni e dall’ansia e rilassare la muscolatura, soprattutto di spalle e schiena. 

 

Prima di andare a letto 

È possibile praticare yoga in qualsiasi momento della giornata. Gli esperti sostengono che non c’è un orario d’elezione e faccia sempre bene, ed è così! Per il recupero del sonno o comunque conciliarlo e predisporre il corpo al riposo notturno, meglio però orientare la pratica nella seconda parte della giornata, a ridosso dell’ora stabilita per coricarsi o persino al momento stesso di andare a dormire. Il letto si trasformerà nel proprio, confortevole, tappetino! Ogni posizione va tenuta per almeno 3-4 minuti. Si tratta di un breve rito di benessere pronto a conciliare un sonno di qualità.  

 

  1. Sukahasana 

Posizionarsi seduti a gambe incrociate mettendo un piccolo cuscino sotto i glutei se si dovesse avvertire un fastidio localizzato. Iniziare cercando di ritrovare calma ed equilibrio, quindi seguire concentrandosi prima sulla mobilità della schiena per al resto del corpo. 

 

  1. Balasana

Seduti sui talloni, spostare il corpo in avanti, adagiando la fonte su un cuscino. Le braccia sono distese lungo i fianchi e il palmo delle mani è verso l’alto. Allentare la tensione rilassando il tratto cervicale e poi le spalle, abbandonandole alla loro posizione naturale. 

 

  1. JatharaParivartanasana 

Sdraiati sulla schiena, piegare le gambe verso l’alto, all’altezza delle ginocchia. Quindi, lasciarle andare, prima da un lato, e poi dall’altro. La testa si gira verso il lato opposto rispetto alle gambe. Mantenere le torsioni per alcuni secondi. Le braccia, distese e perpendicolari rispetto al corpo, sono rilassate.  

 

  1. ViparitaKarani (con supporto del muro) 

Davanti a una parete ampia, seduti a terra. Adagiarsi sulla schiena e mettere la parte posteriore delle gambe e i glutei appoggiati al muro. La schiena, con le gambe, forma un angolo retto. Le braccia sono rilassate sull’addome, lungo il corpo o sopra la testa, con i palmi delle mani rivolti verso l’alto. 

 

  1. Shavasana 

Distesi, a pancia in su, i piedi ruotati naturalmente verso l’esterno, le braccia distese lungo i fianchi con i palmi rivolti verso l’alto. Con gli occhi chiusi, lasciare che la respirazione sia fluida e assaporare tutti i vantaggi di questa posizione rilassante e allenta-tensioni.