Addio Insonnia:

La guida completa per imparare a dormire e combattere l'insonnia per sempre, piccole abitudini che ti aiuteranno a riprenderti il riposo che meriti", di Michelle Brown

In breve: un manuale da consultare per fare luce sul proprio rapporto con il sonno, per comprenderlo e migliorarlo

 

Un problema diffuso

Avere un rapporto salubre con il riposo notturno non è da tutti. C’è chi fatica ad addormentarsi o chi, all’improvviso, si sveglia durante la notte. Può capitare una tantum o con frequenza. Se, però, nel primo caso, tutto si risolve nel giro di poco, qualora il problema si ripresenti, iniziano le difficoltà. E la mattina, svegliarsi di buonumore e soddisfatti può sembrare un’impresa.

 

Perché accade?

Quali sono i motivi che stanno dietro a una notte insonne? A rispondere è “Addio Insonnia: La guida completa per imparare a dormire e combattere l’insonnia per sempre, piccole abitudini che ti aiuteranno a riprenderti il riposo che meriti”. Le cause che stanno dietro a un riposo privo di qualità possono essere tante. Di certo ansia, depressione e stress sono tra i principali responsabili, ma non solo. Anche eventi traumatici o assunzione di farmaci possono interferire con il sonno.

 

Attenzione (anche) allo stile di vita

Porre attenzione all’alimentazione, soprattutto serale, è uno dei consigli suggeriti dalle pagine di questo libro. Significa evitare pietanze che mettano la digestione in difficoltà oppure non bere alcolici o sostanze eccitanti come cola e caffeina. Meglio sorseggiare una tisana rilassante, ottimo prologo a un po’ di meditazione. Quest’ultima, a detta degli esperti, è infatti in grado di preparare la strada alla calma mentale e, quindi, a un sonno sereno.

 

Esistono “trucchi” per dormire?

Sfogliando le pagine del libro, si scoprono sette “trucchi” utili a conciliare il riposo. Di certo ci sono condizioni in grado di favorirlo e di metterci nella situazione più propizia per abbandonarsi tra le braccia di Morfeo. L’ambiente, ad esempio, è molto importante. Un letto comodo e pronto a coccolarci, un cuscino in grado di sostenere in modo adeguato testa e spalle, la “giusta” temperatura della stanza, l’assenza di tecnologia: già ponendo attenzione su questi fattori si può fare molto per tenere l’insonnia lontano dalla camera da letto.